Carne

 

Cosa cerchiamo in un toro da carne,quando lo usiamo su vacche da latte?

Soprattutto il PARTO FACILE, perché nessun vitello meticcio – per quanto ben pagato – vale la perdita della madre che l’ha partorito. Per questo motivo siamo andati in cerca dell’unico Centro FA che raccoglie dati di Facilità di Parto su incrocio da latte.
NATURAL GENETICS e GENESI PROJECT, una partnership che dura ormai da 15 anni ed i nostri tori da carne hanno superato tutte le prove di campo. La varietà di razze ed i loro indici di performance sono un ulteriore valore aggiunto alla più vasta selezione di Tori da Carne oggi disponibile sul mercato. Scegli con fiducia i tori NATURAL e crea il tuo incrocio da carne ideale, che sia per venderlo subito o per allevarlo, senza per questo compromettere la salute delle tue vacche.

Razze disponibili:

ABERDEEN ANGUS – BLONDE D’AQUITAINE – BELGIAN BLU – 

CHAROLAIS – GALLOWAY – HEREFORD – LIMOUSINE – PIEMONTESE 

SCOTTISH HIGHLAND – WAGYU – DEXTER – GASCONNE – SHORTHORN

 

ABERDEEN ANGUS:

Razza di origine scozzese priva di corna, con il manto nero o rosso a pelo raso e la pelle morbida ed elastica. Fertilità, longevità, adattabilità al pascolo, resistenza a malattie ed intemperie hanno portato questa razza a diffondersi in tutto il mondo. Animali di bassa statura con testa leggera e ossatura fine, raggiungono un peso elevato con ottime rese alla macellazione. L’infiltrazione naturale del grasso nelle masse muscolari rende la carne tenera e saporita, riconosciuta come una delle migliori al mondo.

BLONDE D’AQUITAINE:

Razza francese conosciuta anche come Garronese. Sono animali dalla corporatura equilibrata, ossatura leggera, pelle sottile e  muscolatura compatta. Eccellente la qualità della carne: tenera, ricca di proteine, povera di grasso e a grana sottile. Si adatta bene ad ogni condizione, ottima attitudine alla produzione di carne con accrescimenti molto elevati già nel primo anno di vita ed elevate rese alla macellazione.

BELGIAN BLU  – BLU BELGA:

Razza di origine belga, per la sua predisposizione genetica è stata sottoposta ad un rigido sistema selettivo per ottenere animali dallo sviluppo muscolare possente definito come “doppia muscolatura”. Questa caratteristica riconosciuta anche nella razza Piemontese, aumenta la capacità di conversione del nutrimento in muscolatura magra, che si traduce in carne dal ridotto contenuto di grassi. Per la precocità di accrescimento e l’alta resa alla macellazione è la razza più utilizzata in Italia per incrocio su vacche da latte.

CHAROLAIS:

Originaria della Borgogna è la prima razza da carne in Francia e per la sua adattabilità è allevata in molti paesi, soprattutto per incrocio industriale. Di taglia medio grande, precoce, rustica e docile, con elevati accrescimenti giornalieri superiori al Kg. Lo scheletro è robusto ma fine e leggero, ottime le rese alla macellazione. Ottima la qualità della carne, tenera, saporita e con la giusta marezzatura.

HEREFORD:

Razza Inglese tra le più diffuse nel mondo particolarmente adatta al pascolo per rusticità, robustezza e resistenza a molte malattie infettive e parassitarie.  Animali di statura ridotta con ossatura leggera e grandi masse muscolari.  Le vacche sono fertili e longeve con pochissimi problemi al parto. Ottima resa alla macellazione, le carni sono di ottima qualità anche se tendenzialmente grasse.

GALLOWAY:

Originari della Scozia sono bovini di piccola taglia, docili, privi di corna,  muscolosi e resistenti alle malattie che ben si adattano ad ambienti difficili e con pascoli scarsi. Per queste caratteristiche e l’ottima conversione dell’alimento sono indicati per zone marginali e/o montuose.  Maturano lentamente ma la loro carne , oltre ad essere molto saporita, ha un alto contenuto di proteine, minerali ed anti-ossidanti, un basso tasso di colesterolo e grassi saturi ed un eccellente apporto di omega 6 e omega 3.

LIMOUSINE:

Tra le razze da carne francesi più conosciute ed utilizzate al mondo. Gli animali sono di medie dimensioni, rustici, resistenti, con ossatura fine e buon sviluppo muscolare.  I tori Limousine vengono impiegati negli incroci industriali per ottenere soggetti F1 con elevate rese alla macellazione. I vitelli nascono piccoli ma si sviluppano rapidamente, pertanto questa razza può essere utilizzata  anche su vacche di mole ridotta, senza avere particolari problemi al parto.

PIEMONTESE:

E’ la razza italiana più diffusa, di taglia media con ossatura e pelle fini, ha un ottimo indice di conversione del foraggio che trasforma in un’alta resa alla macellazione, superiore a quella di altre razze di taglia più grande. Animali longevi, che si adattano ai climi più diversi e a qualsiasi tipo di allevamento. La caratteristica peculiare della Piemontese è l’ipertrofia muscolare o groppa doppia, negli anni questo carattere è stato fissato tramite un intenso sistema di selezione. La carne è tenera e prelibata, a grana fine, tessitura compatta,colore chiaro, elevato contenuto in proteine e poco grasso, perciò di alta qualità.

SCOTTISH HIGHLAND:

Dato il clima rigido della zona di origine, questa razza scozzese ha subito un processo di selezione naturale che le permette di resistere  fino a -40 °C e rimanere in alta quota anche durante le stagioni più fredde. E’ un animale di piccola statura, resistente alle malattie, longevo e dal pelo lungo e folto. La carne è pregiata, molto saporita, povera di colesterolo e di grassi,  principalmente perché il folto pelo aiuta a mantenere la temperatura corporea ad alti livelli, senza quindi dover avere uno spesso strato di grasso sottocutaneo.

WAGYU:

Termine riferito a razze giapponesi geneticamente selezionate per avere carni intensamente marmorizzate, ovvero per produrre una elevata quantità di tessuto ricco di grassi insaturi che tendono a distribuirsi e lasciare striature nello spessore delle masse muscolari, anziché nello strato peri-muscolare e sottocutaneo. Questa caratteristica rende la carne di Wagyu povera di colesterolo, particolarmente saporita e tenera, tanto da essere considerata la migliore al mondo. Gli animali hanno una crescita molto lenta, seguono una dieta particolare e, per i soggetti con la marezzatura migliore, il prezzo della carne arriva fino a 1000€ al kg.

DEXTER:

Razza di origine irlandese, si è formata nel 18° secolo per iniziativa di Mr. Dexter che voleva creare una razza a duplice attitudine di dimensioni ridotte. Gli animali sono molto piccoli con arti corti e buon sviluppo del treno posteriore, mantello bruno o rosso scuro. La produzione di latte è elevata in rapporto al peso (2.500 kg/lattazione con 4,3% di grasso). La razza è poco diffusa, si trovano allevamenti in Irlanda, Gran Bretagna e Germania.

BEEF SHORTHORN:

Razza di origine scozzese  è oggi diffusa anche negli USA, in Sud America e in molti altri paesi. Sono animali di struttura ridotta ma massiccia, Il colore del mantello è variabile dal rosso, al bianco e ubero (peli rossi e bianchi). Razza precoce con rapido accrescimento, i capi allevati al pascolo in un anno possono pesare più di 400 kg. Ottima resa alla macellazione, in genere vi è una eccessiva presenza di grasso sottocutaneo, periviscerale ed intramuscolare pertanto si consiglia l’incrocio con Aberdeen Angus per migliorarne la qualità della carne.

GASCONNE :

La Gasconne è originaria della regione ai piedi dei Pirenei in Francia.  Razza  rustica di taglia media,  è caratterizzata da buone qualità materne e da una forte capacità di adattamento a condizioni estreme. Performante sia in sistema intensivo che estensivo o in ambiente difficile, è particolarmente conveniente e valorizza le sue qualità da carne sia in razza pura che in incrocio con Charolaise o Blonde d’Aquitaine. Dotata di un’ottima resistenza al calore, è adatta alle zone siccitose.

SALERS:

Razza autoctona originaria del Massiccio Centrale in Francia. La Salers è una razza di taglia grande, a duplice attitudine con prevalenza per la carne. Animali fertili, longevi, resistenti alle escursioni termiche e con buone rese alla macellazione per l’accrescimento rapido. È nota per l’elevata attitudine riproduttiva e per il forte istinto materno, peculiarità che la rende la migliore delle madri: la mungitura infatti è possibile solo in presenza dei vitelli. Trattandosi di una razza rustica autoctona, è particolarmente adatta e idonea alla valorizzazione del fieno e dei foraggi locali.